ADDL

Info ADDL

Iscriviti al nostro servizio newsletter per rimanere sempre aggiornato su tutti i nuovi eventi.
Privacy e Termini di Utilizzo

Immagine


5x1000

SCUOLA

 42 visitatori online
Home
Comunicato stampa del 4 Luglio 2014 PDF 
Comunicato Stampa -
L’Associazione Dislessia Discalculia Lodi (A.D.D.L.) comunica che in data 4 luglio 2014 è stata presentata, presso la procura di Busto Arsizio, denuncia/querela nei confronti di una docente della scuola superiore della provincia di Varese dai genitori di un ragazzo certificato dislessico che frequentava quella scuola. La stessa associazione, dal secondo quadrimestre, ha seguito e supportato la famiglia e il ragazzo diagnosticato con Disturbo Specifico dell’Apprendimento  (DSA). L’A.D.D.L. grazie alla propria equipe e al team di avvocati altamente qualificati che la affiancano, ha deciso di sostenere questa famiglia in una situazione inverosimile. La famiglia del quindicenne nel pieno rispetto di quanto previsto dalla legge 170/2010 e successive linee guida 2011, che garantiscono il diritto allo studio di alunni con DSA nel rispetto dei principi della Costituzione Italiana, ha avanzato le giuste richieste di applicazione di metodi di insegnamento consoni alle difficoltà del figlio, dall’insegnante in questione continuamente disattese. Le richieste venivano inoltrate con gli strumenti che la scuola aveva messo a disposizione delle famiglie per le comunicazioni, mail PEC e libretto scolastico. Nonostante ciò, perdurava la situazione di non applicazione delle norme vigenti mantenendo in essere, di fatto, una situazione illegale.
Gli effetti sul ragazzo non hanno tardato a farsi sentire, generando situazioni di disagio di difficile recupero. Le conseguenti segnalazioni di tale disagio e le richieste di aiuto, comunicate dalla famiglia alla scuola attraverso i canali ufficiali, non riuscivano ancora ad ottenere l’applicazione dei diritti previsti. Di fronte a questa situazione la docente, referente degli studenti con DSA,  anziché  modificare il suo atteggiamento nei confronti del ragazzo, ha denunciato i genitori per Stalking, art. 612 bis del codice penale.
Paradossale!!!
A questo punto i genitori hanno pensato che si fosse superato il limite  e in attesa che la magistratura valuti tale denuncia, assistiti dai legali dell’Associazione A.D.D.L.,  hanno presentato, a loro volta, in data odierna, la denuncia nei confronti dell’insegnante, per:
  • reato di calunnia
  • reato di abuso di ufficio
  • reato di maltrattamento di minore
  • reato di lesioni personali colpose ai danni sia del minore che della madre.
La forza e la determinazione di tale famiglia, sorretta dalla volontà soprattutto di difendere e proteggere il figlio, è un messaggio forte per tutte le famiglie che si vedono negata l’applicazione dei diritti che la legge ha stabilito.
L’A.D.D.L.  ha ritenuto suo  dovere preciso sostenere la battaglia di tale famiglia.
Si confida nella sensibilità della Magistratura affinché, a quattro anni dalla promulgazione della legge 170, si agisca con segnali concreti di supporto verso i ragazzi certificati DSA e le loro famiglie.
 
Lodi, 4 luglio 2014
 
timthumb
 
 


© Copyright 2011 Associazione Dislessia Discalculia Lodi C.F. 92555470159 - Credits Cristian Bignami.

Via Marsala 44 - 26900 Lodi - Tel: 366.1842766 - 334.3796796 - Email: e-mail associazioneaddl@gmail.com
Disclaimer: i testi contenuti sul sito sono liberamente riproducibili citando la fonte www.addl.it